HjemGrupperSnakMereZeitgeist
Søg På Websted
På dette site bruger vi cookies til at levere vores ydelser, forbedre performance, til analyseformål, og (hvis brugeren ikke er logget ind) til reklamer. Ved at bruge LibraryThing anerkender du at have læst og forstået vores vilkår og betingelser inklusive vores politik for håndtering af brugeroplysninger. Din brug af dette site og dets ydelser er underlagt disse vilkår og betingelser.
Hide this

Resultater fra Google Bøger

Klik på en miniature for at gå til Google Books

Mit B端chern leben : Buchliebhaber und ihre…
Indlæser...

Mit B端chern leben : Buchliebhaber und ihre Bibliotheken (udgave 2010)

af Estelle Ellis

MedlemmerAnmeldelserPopularitetGennemsnitlig vurderingOmtaler
1,2892011,267 (4.13)36
At Home with Books is a visual delight, a helpful resource, and an inspiration for every bibliophile with a growing home library. Includes professional advice on editing and categorizing your library; caring for your books; preserving, restoring, and storing rare books; finding out-of-print books; and choosing furniture, lighting, and shelving. Full-color photographs.… (mere)
Medlem:Grobby
Titel:Mit B端chern leben : Buchliebhaber und ihre Bibliotheken
Forfattere:Estelle Ellis
Info:Hildesheim Gerstenberg 2010
Samlinger:Dit bibliotek
Vurdering:
Nøgleord:Ingen

Detaljer om værket

At Home with Books: How Booklovers Live with and Care for Their Libraries af Estelle Ellis

Indlæser...

Bliv medlem af LibraryThing for at finde ud af, om du vil kunne lide denne bog.

Der er ingen diskussionstråde på Snak om denne bog.

» Se også 36 omtaler

Engelsk (19)  Tysk (1)  Alle sprog (20)
Viser 1-5 af 20 (næste | vis alle)
A casa con i libri" è il titolo di questo volume, uno dei tanti nella mia cospicua biblioteca di famiglia. Libri che parlano dei libri e dei luoghi dove essi abitano. Biblioteche private o pubbliche, un altro post in tema, ma questa volta desidero affrontarlo dal punto di vista di chi le biblioteche le crea, le inventa, le alimenta, le cura, ne parla e ne scrive, oltre che gestirle.

In questo libro, un fotografo e scrittore, insieme a due signore scrittrici, hanno curato uno straordinario volume sull'arte di far vivere una biblioteca in maniera creativa ed intelligente. Non importa se la biblioteca sia piccola o grande, personale o pubblica, un bibliotecario, uomo o donna che sia, deve seguire un canone ben preciso sul quale si costruisce tutta la sua personalità. Un'arte, appunto.

Partiamo innanzitutto dalla considerazione che ci porta a chiedere perché ci si appassiona tanto ai libri, non tanto e non solo per amore della lettura, quanto sopratutto anche a quella passione che può diventare addirittura bizzarra, quella di collezionare libri, raccoglierli e sistemarli in una certa maniera.

Lasciamo per ora da parte le deviazioni di questa passione, occupiamoci di quella che è anche un lavoro. Pensiamo ad esempio, alla bibliofilia che sfocia poi in bibliomania. Restiamone fuori, per ora. Avrò modo di parlarne in altra occasione. Già l'ho fatto in passato su questo blog, ora mi piace affrontare questa passione in maniera leggera e appassionata, come hanno fatto gli autori di questo volume.

Le biblioteche pubbliche o private, grandi o piccole, esprimono qualcosa che va al di là della semplice lettura, del puro apprendimento. Una biblioteca è un legame con il passato, il presente ed il futuro. Le biblioteche accolgono nei loro spazi un "mezzo" che è anche il "messaggio", è il caso di dire con McLuhan e questo è il libro.

Senza i libri la storia sarebbe silente, la letteratura muta, la scienza azzoppata, il pensiero e la ricerca immobili. E cosa sarebbe oggi, nell'era della comunicazione, l'informazione senza i libri, anche se questi oggi possono presentarsi in veste diversa da quella tradizionale? Cartaceo o digitale che sia, il "mezzo" così chiamato continua ad esercitare il suo mestiere antico, trovandosi un posto ovunque e comunque sia possibile.

I libri si ammucchiano alla meglio, uno sull'altro su per le scale, nei corridoi, negli studi, in camera da letto, in cucina, nelle mansarde, nei ripostigli, non solo negli armadi, ma sopra, sotto e anche dentro, al posto della biancheria, nei ripostigli, negli scantinati, nelle cantine ed anche nei garage. Possono fare anche da muri divisori, finiscono accatastati anche nei bagni.

Non per essere usati come carta di servizio, ma come ore di attesa promettente per evasioni lente e sospirate. Finiscono, allora, per trasformarsi, durante una attenta lettura da chi parte di chi li ha tra le mani, in vere e proprie "evasioni" mentali. La "toilet" si rivela così essere il posto ideale per la migliore "consumazione" del sapere umano.

Ma qual è il modo migliore per ordinare una biblioteca? In ordine alfabetico, per argomenti, per soggetto, per autore, per colore, grandezza e formato? Oppure in maniera cronologica, per lingua, cultura, categoria? Chissà come vennero sistemati i primi libri, pardon! le prime "tavolette", nella biblioteca di Babilonia o in quella di Alessandria. Nel Tempio di Gerusalemme c'era una biblioteca sacra. Furono i Greci a dare inizio alle biblioteche private. Nel Medio Evo tutte le abbazie erano dotate di biblioteche. La prima università in Europa a dotarsi di una biblioteca fu la Sorbona di Parigi nel 1257.

Con l'invenzione della stampa la diffusione dei libri e delle biblioteche divenne un fatto naturale di democrazia e di conoscenza. Non più un fatto elitario, selettivo e gerarchico, bensì un fatto di vera e propria liberazione delle coscienze e delle menti fino ad allora legate a forme di pregiudizi, prevenzioni e preclusioni di vario genere che tutti conoscono. I libri si sono liberati e con essi le biblioteche. La gente vuole i libri e li vuole ovunque sia possibile tenerli e trovarli. I libri hanno una loro centralità per professione, cultura, arte, religione.

La potenza, la forza e il fascino del libro forse possono essere meglio espressi e compresi se pensiamo alle "sofferenze" che questo potente "mezzo" ha dovuto subire nel corso dei secoli. Non c'è bisogno di ricordare le vicende dei libri "proibiti" dalla religione, non solo da quella cristiana e cattolica, ma di tutte le religioni. Alle violenze subite dai tanti dittatori della storia umana, non ultimi i fuochi dei nazisti. Oggi si dice, da parte di chi crede di conoscere i libri, che il libro elettronico o digitale minaccia il libro cartaceo.

Affermazione questa che, a mio modesto parere, denota una grande e smaccata ignoranza della storia del libro e di come questo strumento, che è anche un "mezzo", spesso insostituibile, si sia evoluto e trasformato nel corso dei secoli. Una trasformazione ed evoluzione che è ancora "in progress" e che certamente darà sia ai libri che ai luoghi nel quali essi vengono accolti, raccolti e custoditi, le librerie e le biblioteche, una maniera del tutto nuova e diversa per vivere la biblioteca universale dell'universo. ( )
  AntonioGallo | Nov 2, 2017 |
I don't usually do coffee table books, but one about libraries, well, that's something else. Full of gorgeous photographs of private libraries to lust after. I particularly like that many of them have not been tidied specially - the Duke of Devonshire reclines with newspapers scattered on the floor, Keith Richards' shelves complete with apparently abandoned bottle of HP sauce. ( )
  tryphena | Oct 28, 2017 |
A coffee-table book for any author, writer, reader, or general book lover. This is not a book talking about decorating with books; this is about living with books and how they shape your home. Well worth finding and purchasing. ( )
  SESchend | Sep 6, 2017 |
Von Simon Weihnachten 2012
  AndreLorenz | Aug 31, 2016 |
A big coffee table book from 1995, of all kinds of libraries. There are personal libraries, ones in big English manors and the Welsh book town of Hay-on-Wye. Many of the libraries belong to serious collectors, some to voracious readers, some who also collect art, and a couple who are most interested in the appearance of their library. Of course, it is filled with big glossy pages of book porn. Photos of old English bookcases filled with leather-bound books and stacks of two hundred year old books by classic authors are everywhere. Biggest surprise- Keith Richards has beautiful copies of both Jane Eyre and Grimm's Fairy Tales on the shelf, along with the WWII books. ( )
  mstrust | Jun 28, 2015 |
Viser 1-5 af 20 (næste | vis alle)
ingen anmeldelser | tilføj en anmeldelse

» Tilføj andre forfattere (2 mulige)

Forfatter navnRolleHvilken slags forfatterVærk?Status
Estelle Ellisprimær forfatteralle udgaverberegnet
Seebohm, Carolinehovedforfatteralle udgaverbekræftet
Sykes, Christopher SimonIllustratormedforfatteralle udgaverbekræftet
Carabetta, SusanJacket Designmedforfatternogle udgaverbekræftet
Du bliver nødt til at logge ind for at redigere data i Almen Viden.
For mere hjælp se Almen Viden hjælpesiden.
Kanonisk titel
Oplysninger fra den engelske Almen Viden Redigér teksten, så den bliver dansk.
Originaltitel
Alternative titler
Oprindelig udgivelsesdato
Personer/Figurer
Vigtige steder
Oplysninger fra den engelske Almen Viden Redigér teksten, så den bliver dansk.
Vigtige begivenheder
Beslægtede film
Priser og hædersbevisninger
Indskrift
Oplysninger fra den engelske Almen Viden Redigér teksten, så den bliver dansk.
I have seen men hazard their fortunes, go on long journeys halfway around the world, forge friendships, even lie, cheat, and steal, all for the gain of a book.
— A.S.W. Rosenbach
Tilegnelse
Oplysninger fra den engelske Almen Viden Redigér teksten, så den bliver dansk.
To Sam, who was the first to say yes. — E.E.

For Sophie and Hugh, my favorite readers. — C.S.

For Karen. — C.S.S.
Første ord
Oplysninger fra den engelske Almen Viden Redigér teksten, så den bliver dansk.
Why do we feel so passionate about books, and why do we accumulate them in a seemingly uncontrollable fashion throughout our lives? Our libraries express something more than learning — they link us with the past, present, and future in a way that is portable, affordable, and aesthetically pleasurable.
Citater
Oplysninger fra den engelske Almen Viden Redigér teksten, så den bliver dansk.
On disposing of unwanted books: If the books you are discarding don't seem worth the bother, leave them outside on a city street. They will almost certainly disappear within days.
Sidste ord
Oplysning om flertydighed
Forlagets redaktører
Bagsidecitater
Originalsprog
Canonical DDC/MDS
Canonical LCC

Henvisninger til dette værk andre steder.

Wikipedia på engelsk (1)

At Home with Books is a visual delight, a helpful resource, and an inspiration for every bibliophile with a growing home library. Includes professional advice on editing and categorizing your library; caring for your books; preserving, restoring, and storing rare books; finding out-of-print books; and choosing furniture, lighting, and shelving. Full-color photographs.

No library descriptions found.

Beskrivelse af bogen
Haiku-resume

Populære omslag

Quick Links

Vurdering

Gennemsnit: (4.13)
0.5
1 1
1.5
2 4
2.5 2
3 28
3.5 10
4 73
4.5 14
5 65

Er det dig?

Bliv LibraryThing-forfatter.

 

Om | Kontakt | LibraryThing.com | Brugerbetingelser/Håndtering af brugeroplysninger | Hjælp/FAQs | Blog | Butik | APIs | TinyCat | Efterladte biblioteker | Tidlige Anmeldere | Almen Viden | 162,382,647 bøger! | Topbjælke: Altid synlig