Picture of author.

François Truffaut (1932–1984)

Forfatter af Hitchcock: A Definitive Study of Alfred Hitchcock

73+ Works 3,581 Members 58 Reviews 5 Favorited

Om forfatteren

Francois Truffaut was one of the principal figures in the French New Wave movement of the 1950s and early 1960s. As a young critic for the avant-garde film magazine Les Cahiers du Cinema, he formulated the politique des auteurs---the idea that directors with a personal vision are the true authors vis mere of films, rather than conventional screenwriters or script-bound directors. An admirer of American films, Truffaut was much influenced by Alfred Hitchcock (see Vol. 1). In several of his own films, Truffaut, who had an unhappy childhood and youth, portrayed a fictionalized version of himself, a character called Antoine Doinel, to create personal cinema. The first of these films, which was also his first feature film, was The Four Hundred Blows (1959). It is still one of the most popular of his works. Other notable Truffaut films are Shoot the Piano Player (1960), the lyrical menage a trois Jules and Jim (1961), the Academy Award-winning Day for Night (1973), The Last Metro (1980), and The Woman Next Door (1981). (Bowker Author Biography) vis mindre

Serier

Værker af François Truffaut

The Films in My Life (1978) 268 eksemplarer
Fahrenheit 451 [1966 film] (1966) — Director; Screenwriter — 177 eksemplarer
Breathless [1960 film] (1960) — Screenwriter — 174 eksemplarer
The 400 Blows [1959 film] (1959) — Director — 161 eksemplarer
Jules and Jim [1962 film] (1962) — Director; Screenwriter; Producer — 137 eksemplarer
Correspondence, 1945-1984 (1988) 86 eksemplarer
Shoot the Piano Player [1960 film] (1960) — Instruktør; Director — 70 eksemplarer
The Last Metro [1980 film] (1985) — Director/Screenwriter — 59 eksemplarer
Jules and Jim [screenplay] (1968) 59 eksemplarer
Le plaisir des yeux (1987) 57 eksemplarer
Day for Night [1973 film] (1973) 51 eksemplarer
Truffaut by Truffaut (1985) 46 eksemplarer
Love on the Run [1979 film] (1979) — Director/Screenwriter — 40 eksemplarer
The Wild Child [1970 film] (1973) 37 eksemplarer
The Bride Wore Black [1968 film] (1968) — Director — 35 eksemplarer
Stolen Kisses [1968 film] (1968) 34 eksemplarer
L'homme qui aimait les femmes (1977) 33 eksemplarer
The Soft Skin [1964 film] (1979) 33 eksemplarer
Letters (1989) 32 eksemplarer
The Story of Adele H [1975 film] (1975) — Director/Screenwriter — 31 eksemplarer
Small Change: A Film Novel (1976) 31 eksemplarer
The Man Who Loved Women [1977 film] (1977) — Instruktør — 30 eksemplarer
The Story of Adele H [script] (1976) 29 eksemplarer
Two English Girls [1971 film] (1999) — Instruktør — 27 eksemplarer
Confidentially Yours [1983 film] (1999) — Instruktør — 25 eksemplarer
Bed & Board [1970 film] (1999) — Director/Screenwriter — 25 eksemplarer
Mississippi Mermaid [1969 film] (2001) — Instruktør — 23 eksemplarer
Small Change [1976 film] (1976) 21 eksemplarer
The Woman Next Door [1981 film] (1999) 21 eksemplarer
The 400 Blows [screenplay] (1969) 19 eksemplarer
Day for Night [script] (1975) 18 eksemplarer
Antoine and Colette [1962 film] (1962) — Instruktør — 15 eksemplarer
The Green Room (1978) 12 eksemplarer
Criterion 101 — Instruktør — 9 eksemplarer
A Gorgeous Girl Like Me [1972 film] (1972) — Instruktør — 8 eksemplarer
The Mischief Makers [1957 film] (1957) 5 eksemplarer
The Wild Child [script] (1973) 4 eksemplarer
The Last Metro [script] (2001) 3 eksemplarer
The Bride Wore Black [1968 film] (1968) — Instruktør — 2 eksemplarer
Francois Truffaut - Collection 3 [Blu-ray] — Instruktør — 2 eksemplarer
La mujer de al lado 1 eksemplar
Hitchcock/Truffaut (2019) 1 eksemplar
Stolen Kisses 1 eksemplar
LECONS DE CINEMA (TP) (2021) 1 eksemplar

Associated Works

Fahrenheit 451 (1953) — Efterskrift, nogle udgaver53,368 eksemplarer
Close Encounters of the Third Kind [1977 film] (1977) — Actor — 543 eksemplarer
Jules og Jim (1953) — Introduktion, nogle udgaver482 eksemplarer
Film: A Montage of Theories (1966) — Bidragyder — 82 eksemplarer
The Little Thief [1988 film] (1988) — Story — 13 eksemplarer
Two in the Wave [2010 film] (2010) 5 eksemplarer
Paras elokuvakirja (1995) — Bidragyder — 5 eksemplarer
La Nouvelle Vague [book] (2004) 2 eksemplarer

Satte nøgleord på

20. århundrede (330) amerikansk (266) amerikansk litteratur (454) book burning (454) books (464) Bradbury (153) bøger om bøger (182) censorship (885) cinema (253) DVD (319) dystopi (2,050) dystopian (637) ebog (121) ejer (214) ejet (120) faglitteratur (117) Fantasy (194) favorites (155) film (457) Fransk (124) future (241) goodreads (158) klassiker (1,183) klassikere (1,048) litteratur (564) læst (767) paperback (148) politik (123) Ray Bradbury (219) roman (601) science fiction (435) science fiction (5,122) Science Fiction/Fantasy (121) sff (153) Skal læses (1,675) skønlitteratur (3,897) social commentary (166) speculative fiction (168) totalitarianism (200) Truffaut (112)

Almen Viden

Kanonisk navn
Truffaut, François
Fødselsdato
1932-02-06
Dødsdag
1984-10-21
Begravelsessted
Cimetière de Montmartre, Paris, France
Køn
male
Nationalitet
France
Fødested
Paris, France
Dødssted
Neuilly-sur-Seine, Hauts-de-Seine, France
Bopæl
Paris, France
Neuilly-sur-Seine, Hauts-de-Seine, France
Uddannelse
Self-taught
Erhverv
film critic
film director
screenwriter
film producer
actor
Relationer
Bazin, Andre (mentor)
Moreau, Jeanne (actress)
Organisationer
Cahiers du cinema
Kort biografi
François Truffaut was one of the most influential figures in film history. He was largely self-taught, but became one of France's leading film critics during the 1950s. His promotion of the "auteur theory" (politique des auteurs) eventually revolutionized film criticism and led to a re-evaluation of the work of Abel Gance, Max Ophuls, Roberto Rossellini, Alfred Hitchcock, Howard Hawks, Nicholas Ray, and others. He and his colleagues at the pioneering French film magazine Cahiers du cinéma developed a more personal, freewheeling vision of filmmaking that achieved world fame as the French New Wave (Nouvelle vague). Truffaut was born on to an unmarried mother, a circumstance that would shape much of his life and work. He was taken in by his maternal grandparents. In 1933, his mother married Roland Truffaut, an architectural draftsman, who adopted young François, but he didn't live with them until 1939. Many details from his childhood, freely reworked, can be found in Truffaut's semi-autobiographical debut film, Les 400 Coups (The 400 Blows, 1960). As a teenager, he joined various film clubs and societies, where he earned a reputation for his outspoken opinions on films and directors. He was befriended by older intellectuals and cultural figures such as André Bazin, Louise de Vilmorin, and Jean Cocteau. In 1950, Truffaut got a job as a society reporter for Elle magazine and quickly established a reputation as a film critic. Through his work at Cahiers du cinéma and his frequent attendance of screenings at the Cinématheque Française headed by Henri Langlois, Truffaut became friends with other young critics who eventually became leading filmmakers of the French New Wave. During the late 1950s and early 1960s, the peak of the New Wave, Truffaut created and directed a brilliant series of films. In the 1970s, he made other notable films, especially his homage to moviemaking Day for Night (1973), which won the Academy Award for Best Foreign Film. The Last Metro (1980), a portrayal of complicated moral choices during the Occupation, received 10 Césars, including Best Picture. In 1981, he published the book Les Films de ma vie (Films in my life); his correspondance was translated and published posthumously in 1988. In 1983, Truffaut was diagnosed with a brain tumor and died at age 52.

Medlemmer

Anmeldelser

Good. I think Truffaut could've gone into more detail and pulled more out, while being a little less critical about some of his concerns. It's obvious Hitchcock really didn't have much feedback on his opinions. And I also wish he would've talked more about the social and political implications of the films, as opposed to the psychology and morals. Still, it holds a great deal of practical information for film students, as well as behind-the-scenes information for movie buffs.
 
Markeret
JuntaKinte1968 | 16 andre anmeldelser | Dec 6, 2023 |
Paris, septembre 1942. Lucas Steiner, le directeur du théâtre Montmartre a dû fuir parce qu’il est juif. Sa femme Marion Steiner dirige le théâtre et engage Bernard Granger, transfuge du Grand Guignol, pour jouer à ses côtés dans ”la Disparue”, que met en scène Jean-Louis Cottins. Jusqu’au soir de la générale, la troupe subit les menaces du virulent critique de ”Je suis partout”, Daxiat, dont l’ambition est de diriger la Comédie- Française. Et si, par amour pour sa femme, Lucas Steiner avait fait semblant de fuir la France et était resté caché dans la cave de son théâtre pendant toute la guerre… (fonte: retro del dvd)… (mere)
 
Markeret
MemorialeSardoShoah | Nov 14, 2023 |
Per parlare di questo straordinario libro di Cinema, una sorta di Bibbia per gli appassionati (la “c” non è maiuscola casualmente), è necessario contestualizzare protagonisti e periodo. O meglio intervistatore ed intervistato, perché è di questo che stiamo parlando, di un’appassionata intervista di cinquecento domande messe nero su bianco, srotolando qualcosa come cinquanta ore di registrazioni raccolte, come dice l’autore, dalle nove del mattino alle sei del pomeriggio. Questo è “Il cinema secondo Hitchcock” di François Truffaut (Il Saggiatore 2014, traduzione Giuseppe Ferrari e Francesco Pititto).

Siamo nel 1962 e Alfred Hitchcock (l’intervistato), londinese classe 1899, è già considerato un Maestro con quasi cinquanta film nel suo carniere, alcuni dei quali già universalmente noti come capolavori della suspance: “Il pensionante” (The Lodger: A Story of the London Fog, 1927), “Rebecca, la prima moglie” (Rebecca, 1940), “Notorious, l’amante perduta” (Notorious, 1946), “Nodo alla gola” (Rope, 1948) e il celeberrimo “Psyco” del 1960”, cui sarebbe poi seguito nel 1963 l’altrettanto incredibile “Gli uccelli” (The birds). François Truffaut (l’intervistatore), già ben conosciuto d’oltralpe per la sua attività di critico cinematografico per la rivista “Cahiers du Cinéma”, che nel 1962 ha trent’anni, ha già al suo attivo la regia di ben tre pellicole: “I quattrocento colpi” (Les quatre-cent coups, 1959) considerato un esordio strepitoso sul grande schermo, “Tirate sul pianista” (Tirez sur le pianiste, 1960) e il fresco di montaggio “Jules e Jim” del 1961.

Truffaut, che considera il regista britannico come un punto di riferimento della cinematografia d’autore, è piuttosto infastidito dalla leggerezza con cui la stampa americana tende ad intervistare ed a ritrarre quello che lui considera un genio, ancor più se si pensa che lo stesso Hitchcock è naturalizzato americano: egli, infatti, che sbarca ad Hollywood negli anni Quaranta, non se ne andrà più via dagli States.

“Ricordi che, per definizione, i critici non hanno immaginazione e questo è normale. Un critico troppo dotato di immaginazione non potrebbe più essere obiettivo. È proprio questa mancanza di immaginazione che li porta a preferire le opere più spoglie, più nude, perché danno loro la sensazione di poter quasi esserne gli autori”.

Ecco allora l’idea del regista francese di realizzarla lui un’intervista al mito. Una lunga chiacchierata sul cinema, sulla sua carriera, ma soprattutto sui suoi film, tutti suoi film (trovo per cui inutile citare qui la filmografia), per meglio comprenderli e conoscerne genesi, nascita, costruzione, ma soprattutto retroscena. Per farlo gli scrive una lettera in cui esterna una tale ammirazione che l’autore de “L’uomo che sapeva troppo” non può che accettare d’incontrarlo. E ciò si concretizza in una settimana di appuntamenti nell’estate del 1962 negli studios californiani della Universal in cui i due uomini di cinema, anticipando celebri docuserie in cui i registi di successo si intervistano a vicenda, penetrano a fondo e con straordinaria chiarezza e lucidità, nel lavoro di Hitchcock.

Lo fanno senza dimenticare nulla, partendo dal racconto di un Hitchcock che, al suo esordio nel mondo del cinema nel 1920, si occupava di creare le illustrazioni dei titoli nel film muti. Ed è proprio dal cinema muto che inizia questo viaggio che, con un’accurata fedeltà cronologica, guarda all’interno dei fotogrammi di ogni pellicola “hitchcockiana”, svelando le idee, la tecnica, il montaggio, gli effetti utilizzati, ma soprattutto offrendo a chi legge un’immagine del grande regista che va ben oltre quella di un illuminato direttore cinematografico, riscoprendo in lui un esperto della fotografia e delle ripresa, un arguto scenografo, ma anche un costumista, uno sceneggiatore, persino un tecnico delle luci. Tutto ciò per comunicare che il successo di ogni suo film era il condensato di un insieme di competenze che, legate tra di loro, sono il cinema stesso. Quelle conoscenze tecniche capaci di esaltare ingegno e creatività. Un aspetto non colto dalla critica di quell’epoca, anzi deriso, che vedeva in quella “manualità da maestranza” una sorta di declassamento del sacro ruolo del regista.

“Quando è stato inventato, il cinema è servito innanzitutto a registrare la vita; era allora un’estensione della fotografia. È diventato un’arte quando ha smesso di essere documentario”.

La prima edizione di quello che potremmo definire un vero manuale di cinema, nel senso quasi accademico del termine (vi si affrontano anche elementi sulle tecniche di ripresa, così come sul montaggio), fu pubblicata dall’editore francese Robert Laffont nel 1967. Soltanto dopo la morte di Alfred Hitchcock, François Truffaut riprese tra le mani il manoscritto, nel 1983, limitandosi però ad arricchirlo di una interessante prefazione e di un nuovo capitolo dedicato agli ultimi anni della carriera del grande regista anglo americano. Lo stile è quello schematico di un’intervista, a domanda risposta, anche se la rigidità di un tale flusso di scrittura è equilibrata dal fatto che la lettura può essere ripresa dopo un’interruzione in qualsiasi momento e senza difficoltà. Non ci si lasci però intimorire dal livello “specialistico” su cui verte la lunga intervista: la modalità con cui Truffaut si pone a fronte del Maestro si offre a risposte fluide, ben leggibili, sovente cariche di quella ironia tipica di Alfred Hitchcock.

Come ho già avuto modo di scrivere, l’appassionato trova in questo libro tecnica, stile, psicologia e retroscena di ogni film in cui il Maestro cercava sempre e con ostinazione di coniugare emozione ed attenzione. Ed in questo va dato merito all’autore di questo volume, che grazie alla sua competenza, pone l’accento su interessanti riflessioni sul linguaggio cinematografico. Vi trova però spazio anche il racconto dell’uomo Hitchcock, di una vita suddivisa tra i periodi inglese e americano, si rispolverano ricordi ed emozioni, successi inaspettati, delusioni impreviste e curiosità, tante curiosità. Tra queste i suoi cameo oppure l’invenzione di quello che egli battezzò “MacGuffin”, un espediente narrativo che, pur catalizzando l’attenzione di chi guarda, poco o nulla c'entra con la trama, una sorta di clamoroso depistaggio per lo spettatore di cui Hitchcock amava fare sfoggio. Ne da prova magistrale, ad esempio, in “Psyco” dove il film inizia con il furto di denaro da parte di una ragazza che, nella sua fuga dalla città, lo nasconde in una busta che sarà ripetutamente ed insistentemente inquadrata, dando l’impressione di essere la chiave per risolvere un mistero, salvo poi che la trama prenderà una piega del tutto diversa e la busta uscirà di scena.

“Il cinema secondo Hitchcock” è una grande confessione, sincera, fluente. Oltre a ciò c’è però molto altro: Charlie Chaplin, Fritz Lang, Buster Keaton, David W. Griffith. E scusate se è poco!
… (mere)
 
Markeret
Sagitta61 | 16 andre anmeldelser | Sep 12, 2023 |

Lister

Hæderspriser

Måske også interessante?

Associated Authors

Suzanne Schiffman Screenwriter, Writer
Jean-Louis Richard Screenwriter, Writer
Marcel Moussy Screenwriter
Jean Gruault Screenwriter
Cornell Woolrich Novel, Original novel
David Goodis Screenwriter
Michel Fermaud Screenwriter
Claude De Givray Screenwriter
Frieda Grafe Translator
Enno Patalas Translator
Raoul Coutard Cinematographer
Nestor Almendros Cinematographer
Nicholas Roeg Director of Photography
Ray Bradbury Original novel
Thom Noble Film Editor
Martial Solal Composer
Henri Decaë Cinematographer
Hélène Jeanbrau Photographer
Henri-Pierre Roché Original book
Denys Clerval Cinematography
Torsten Manns Translator
Leonard Mayhew Translator
David Downton Cover artist
Nicholas Fry Translator
Anselm Hollo Translator

Statistikker

Værker
73
Also by
10
Medlemmer
3,581
Popularitet
#7,076
Vurdering
4.0
Anmeldelser
58
ISBN
245
Sprog
15
Udvalgt
5

Diagrammer og grafer